Da relativamente poco tempo sto cercando di riconciliarmi con la mia chioma pervicacemente riccia; vorrei condividere parte del percorso e delle dritte che sto testando, per offrire qualche spunto alle ragazze che, come me, vogliono fare pace con la propria, ribelle capigliatura.

E comunque, lei ha sempre un certo stile

Premessa: arrivo da molti, molti anni di piega liscia; un po’ perché, seguendo quel vecchio adagio per cui nessuno è contento di quello che ha, i capelli lisci hanno sempre esercitato un certo fascino su di me; un po’, anzi per la maggior parte, perché il liscio era l’unico modo di domare capelli molto crespi e con un indefinibile mosso senza logica alla Maga Magò.

Usavo shampoo della grande distribuzione per capelli grassi, seguiti da balsami o maschere tanto profumati quanto, evidentemente, inefficaci a livello di idratazione; risultato: la cute si sporcava talmente in fretta da costringermi a lavaggi quasi quotidiani, e le lunghezze, dopo il primo momento di apparente morbidezza, erano stoppose e piene di doppie punte, complice anche il calore di phon e piastra.

Il passaggio al Bio ha determinato un netto miglioramento, sia a livello di cute sia di stelo; i capelli stanno infatti ritrovando via via un riccio più definito, e l’effetto crespo è tenuto a bada attraverso una costante, profonda idratazione.

Ecco quindi di seguito alcuni consigli, tratti da quello che ho provato nel tempo:

  • Il capello riccio tende a seccarsi tantissimo: lo ribadisco perché è il punto probabilmente fondamentale: il capello si arriccia bene se è nutrito e idratato costantemente, altrimenti si ottiene solo un mosso crespo ed indefinito; quindi ad ogni lavaggio i capelli vanno coccolati con un buon balsamo o maschera, da tenere in posa almeno 3-5 minuti (e quando è possibile con tempi di posa più lunghi di 20-30 minuti). Esistono molti programmi specifici che si può scegliere di seguire, io al momento mi trovo molto bene con la Maschera Acida di Alkemilla, usata appunto come maschera ma anche come balsamo, con tempi di posa più brevi.

    Maschera Acida Alkemilla

    Idrata senza appesantire, rivitalizza grazie agli estratti di Limone, Ortica e Arancio, protegge con la Passiflora e le proteine della Soia (che creano un microfilm protettivo attorno al capello), e grazie al Ph leggermente acido assicura lucentezza e morbidezza.

  • Il riccio non ama il calore: vale per tutti i tipi di capelli, ma in particolare i capelli ricci: per evitare che si increspino e si stressino, vanno trattati con acqua tiepida e calore moderato del phon. Anche un ultimo risciacquo freddo può essere una buona idea.
  • Cotone è meglio: testato più volte per capire la differenza, credetemi che è proprio così: dopo il lavaggio è molto meglio avvolgere i capelli in una vecchia t-shirt di cotone piuttosto che nel classico asciugamano. Esistono poi diverse tecniche per farli scolare/asciugare, come il “plopping” (carino ed efficace, ma sconsigliato a chi soffre di cervicale), ma qualunque sia la tecnica, assicuratevi che la fibra sia morbido cotone.
  • Meno tocchi i capelli, meglio è: tutti sappiamo che i ricci non si pettinano, ma in fase di asciugatura è forte la tentazione di intervenire per modellare, sistemare i ricci con le dita; in realtà questo può “rompere” il riccio naturale, determinando l’insorgere del crespo. Meglio un veloce “scrunch” a capello bagnato, aiutato dal prodotto di Styling che preferite, e poi procedere con l’asciugatura naturale.
  • L’aiuto con i prodotti giusti per lo Styling: qui dipende molto dal tipo di capello naturalmente, ma mi sbilancio nel dire che il Fluido Modellante per Capelli Ricci al Miele di MaterNatura è un po’ un classico del settore:

    Fluido Modellante per Capelli Ricci al Miele MaterNatura

    definisce i ricci, offrendo loro sostegno e tenuta con un effetto naturale. Inoltre, gli estratti di Miele, Aloe ed Altea aiutano a mantenere l’idratazione. Un tocco finale può essere dato dai Cristalli Liquidi Naturali, sempre di MaterNatura: intensificano la luminosità e hanno effetto anticrespo, oltre che un delizioso e persistente profumo di vaniglia (per la verità, sono un finish perfetto per ogni tipo di capello, liscio o riccio).


 

Queste sono, in sintesi, le riflessioni che mi sento di condividere; c’è molto altro da dire, ovviamente, e tuttora sto lavorando per ottenere il meglio dai miei capelli testando sempre nuovi prodotti e strategie, ma il punto è che, con le dovute cure, da una chioma senza logica si può ottenere un risultato soddisfacente in termini di piega riccia. L’importante è affidarsi ai prodotti giusti e che siano, soprattutto, naturali: solo questi infatti, privi di componenti chimiche, apportano reale nutrimento e idratazione profonda.

Ps: sì, ogni tanto torno alla piega liscia, le vecchie abitudini sono dure a morire.